Come accoppiare due antenne TV

By Greg Martinez / Febbraio 7, 2021
Come accoppiare le antenne tv

*In qualità di associato Amazon, potrei guadagnare dagli acquisti idonei quando effettui acquisti tramite link sul nostro sito. Il nostro guadagno non ha alcun effetto sul costo dell'articolo.

Probabilmente hai già sentito parlare di accoppiamento di antenne, ma cosa significa esattamente e, soprattutto, è sempre una buona idea? Diamo uno sguardo più da vicino al concetto e vediamo alcuni esempi.

“Accoppiare le antenne TV” significa configurare più antenne TV, sullo stesso montante (montaggio verticale) o adiacenti l’una all’altra (montaggio orizzontale) e combinare i segnali di entrambe le antenne per visualizzare i canali da tutti loro.

All’apparenza sembra un’ottima idea: dovrai solo acquistare due o più antenne, puntarle in direzioni diverse e ricevere ancora più canali sulla tua TV.

Tuttavia esistono alcuni fattori che potrebbero rendere complessa questa attività. Continua a leggere per scoprire come accoppiarle in sicurezza.

Puoi collegare due antenne a una TV?

Consentimi di illustrare il concetto descrivendo lo scenario più comune derivante dalla combinazione di antenne: ricevere segnali da direzioni diverse.

In questo momento potresti avere un’antenna in stile Yagi sul tuo tetto che punta verso un gruppo di torri a nord.

Le antenne Yagi per esterni sono ottime per captare stazioni distanti, ma in genere hanno una larghezza del fascio di ricezione inferiore a 90 gradi (e molte volte, molto più stretta).

Consultando la lista dei ripetitori TV di OTG TV, potresti aver notato altri gruppi di stazioni in direzioni diverse, avrai bisogno di un’antenna multidirezionale o di una seconda antenna unidirezionale yagi per ottenerle entrambe.

E così potresti decidere di montare una seconda antenna unidirezionale per captare l’altro gruppo di stazioni e collegare entrambe le antenne alla tua TV.

Two unidirectional antennas

3 motivi per cui le persone accoppiano le antenne TV

Tecnicamente parlando, le antenne TV possono essere accoppiate in una miriade di modi per ottenere diversi scenari.

Ad esempio: possono essere montate verticalmente o orizzontalmente; puoi scegliere di amplificare una o entrambe le antenne; puoi puntarle in direzioni diverse o nella stessa direzione.

Nonostante queste diverse configurazioni, ci sono tre scenari comuni in cui i consumatori impilano le antenne:

A. Stanno cercando di ricevere segnali TV da stazioni al di fuori del raggio di ricezione della loro attuale antenna.

B. Stanno cercando di ricevere su un’altra banda di frequenza (ad esempio, cercando di ottenere una segnale VHF basso trasmesso da una particolare stazione se l’antenna già montata è solo UHF).

C. Vogliono aumentare il guadagno totale dell’antenna nella speranza di aumentare la qualità del segnale e magari anche ottenere altri canali, puntando entrambe nella stessa direzione.

La maggior parte delle persone aggiunge antenne extra per realizzare gli scenari A e B sopra.

Certo, alcuni stanno anche cercando di aumentare il guadagno totale dell’antenna ( C ). Ciò comporta alcune sfide tecniche, come la comprensione della polarizzazione del segnale orizzontale e verticale, la stima delle dimensioni e della forma delle aree di cattura della ricezione di entrambe le antenne, ecc. Questi scenari possono portare ad un risultato variabile.

Se vuoi aumentare il tuo guadagno dell’antenna, potrebbe essere più facile e meno complesso ottenere semplicemente un’antenna con un guadagno maggiore con un raggio di ricezione più ampio (con possibilmente un preamplificatore), piuttosto che provare a combinarne due più piccoli.

come accoppiare antenna tv

In effetti, le antenne multidirezionali ad alto guadagno come Xtreme Signal – 8-Bay VHF/UHF HDTV Bowtie Antenna sono in realtà antenne accoppiate. In questo articolo, mi concentrerò sugli scenari più comuni per l’accoppiamento di antenne (ad esempio, la ricezione di segnali da un’altra direzione o su un’altra banda di frequenza).

La maggior parte delle persone tenta di combinare massimo due antenne (invece di tre o quattro), quindi sarà questo il caso su cui ci concentreremo.

Modi per accoppiare le antenne TV

Diamo prima un’occhiata ad alcune considerazioni speciali per l’accoppiamento delle antenne, prima di imparare a montarle.

Dovresti montare le antenne TV verticalmente o orizzontalmente?

Fa differenza se installi la tua seconda antenna sopra l’altra o le affianchi?

Alcuni sostengono che, poiché i segnali TV sono generalmente trasmessi con una polarizzazione orizzontale, una disposizione di montaggio verticale è più adatta perché ottiene un guadagno migliore per questo tipo di polarizzazione.

Personalmente, proverei prima una disposizione verticale delle antenne sullo stesso palo (se possibile), prima di provare con un posizionamento orizzontale.

Tuttavia, molte persone riescono anche con l’impilamento orizzontale (cioè, posizionando la seconda antenna vicino o sull’altro lato del tetto o della soffitta). Dipende dalla tua situazione specifica: è vero che i segnali TV sono polarizzati orizzontalmente, ma ci sono altri fattori da considerare.

Ad esempio, forse i tuoi segnali provengono dalla direzione di un bosco, causando interferenze.

Potresti scoprire che posizionare la seconda antenna in un’altra zona della casa consente di ottenere risultati migliori.

Quindi, non ci sono dogmi quando si tratta di risposte generalizzate riguardanti il montaggio verticale e quello orizzontale.

Quantomeno dovresti assicurarti che siano entrambi sufficientemente separate per ridurre al minimo le interferenze tra di loro.

Separazione delle antenne per ridurre al minimo le interferenze

Sebbene siano recettori passivi, le antenne generano un sottile campo elettrico che può interferire con la ricezione di un’altra antenna posizionata troppo vicino.

Come separare le antenne TV

Devono essere separate da una certa distanza corrispondente alla dimensione delle lunghezze d’onda UHF o VHF che stanno catturando.

Questa misurazione arriva a circa 1/4 della dimensione delle lunghezze d’onda che stanno ricevendo.

Ora, ogni singola frequenza all’interno delle bande UHF e VHF ha una dimensione di lunghezza d’onda unica, quindi quando si calcola la separazione è utile pensare in termini di lunghezza d’onda massima che riceveranno le antenne.

La lunghezza d’onda massima di un segnale UHF può essere superiore a 50 centimetri, mentre le lunghezze d’onda VHF possono estendersi su 2 metri di lunghezza.

In effetti, vari elementi su un’antenna (come dipoli, riflettori, ecc.) sono dimensionati proporzionalmente in relazione a queste lunghezze d’onda per catturare con precisione le onde radio.

È consigliabile mantenere una distanza di circa 50-100cm tra due antenne sovrapposte (sia UHF che VHF).

Potresti pensare di dover montare un’antenna VHF più lontano (a causa della sua lunghezza d’onda), ma in generale l’interferenza causata da entrambe le antenne probabilmente non sarà abbastanza sostanziale da influenzare il tuo segnale.

Ma è comunque una buona idea non montarle troppo vicine l’una dall’altra.

In questo caso si parla di una distanza minima. Puoi montare le antenne anche più lontano, mettendo più distanza tra loro per ridurre ulteriormente le potenziali interferenze.

Cosa ti servirà per accoppiare le antenne?

Ci sono alcuni fattori da considerare quando si combinano le antenne.

Li sto riassumendo qui, ma entrerò più in dettaglio di seguito:

  • Quale tipo di seconda antenna dovresti ottenere?
  • Quando combini i segnali di entrambe le antenne, dovresti usare un diplexer o un combinatore di segnali? Ciò dipenderà dal fatto che tu stia cercando di seguire lo scenario A o B descritto in precedenza
  • Antenna e cavo coassiale – questi dovrebbero essere della stessa lunghezza e tipo per entrambe le antenne!
  • Che tu voglia amplificare o meno la linea dell’antenna

Se scegli di montare verticalmente le antenne sullo stesso palo, la tua configurazione potrebbe essere simile allo schema seguente.

antennetv impilate verticalmente

Scegliere la seconda antenna

Quando inizi il tuo progetto, o avrai un’antenna in più a portata di mano o dovrai acquistarla.

Se stai accoppiando le antenne per ottenere stazioni in altre direzioni o su un’altra banda di frequenza, non ci sono considerazioni speciali per la scelta della seconda antenna (a parte quella che può effettivamente captare le altre stazioni).

Ad esempio, se si dispone di un’antenna solo UHF e si desidera che una seconda antenna riceva quel canale pubblico trasmesso su VHF alto, leggere la stampa in piccolo dell’antenna per assicurarsi che possa effettivamente captare quelle frequenze (RF canali 7-13 in questo caso).

Diamo ora un’occhiata al tipo di miscelatore di segnale che dovresti ottenere per entrambe le antenne.

Il tipo che otterrai dipenderà fortemente dal fatto che tu stia accoppiando le antenne per ottenere frequenze diverse (scenario B) o semplicemente per ottenere canali da un’altra direzione (scenario A).

Combinazione di segnali: Diplexer

Un diplexer è un dispositivo che riceve segnali separati e li combina in un segnale in un modo più sofisticato rispetto a un normale miscelatore di segnali (vedi sotto).

Ad esempio, un diplexer potrebbe prendere in considerazione le frequenze dei segnali e applicare il multiplexing.

I diplexer sono prevalenti nel mondo della TV satellitare. Tuttavia, sono meno comuni nel mercato dei consumatori OTA.

Allora perché avresti bisogno di un diplexer per le tue antenne TV?

Ti servirà per combinare i segnali di antenne con diverse bande di frequenza (UHF con VHF o scenario B sopra).

Un diplexer che puoi usare per la televisione OTA è questo miscelatore di antenne Cusano MIX-LTE-VUU.

Prende i segnali da un’antenna solo UHF e li combina con i segnali da un’antenna solo VHF.

miscelatore di antenne tv

Il dispositivo viene montato direttamente sull’asta dell’antenna, tra le antenne, per garantire che le lunghezze dei cavi coassiali delle antenne siano uguali. La scatola del diplexer si trova all’interno della custodia impermeabile nera che vedi nell’immagine.

Dopo aver montato le antenne, collegherai i loro cavi coassiali a questo dispositivo, collegandoli sotto alle due porte IN. Il dispositivo dispone di una porta OUT per eseguire un collegamento coassiale allo splitter, alla TV o al convertitore.

Come con molti diplexer per il mercato della tv over-the-air, questo funziona in modo passivo , quindi non viene fornito con un alimentatore CA.

Inoltre, dovresti usarlo per il suo scopo dichiarato: accoppiare un UHF con un’antenna VHF.

Se provi un’altra combinazione, ad esempio due antenne UHF, il dispositivo non consentirà ai segnali UHF di passare attraverso la porta VHF.

Combinazione di segnali: miscelatore o combinatore di segnali

Un altro tipo di dispositivo è un normale miscelatore di segnali (chiamato anche combinatore di segnale).

È generalmente un dispositivo più semplice di un diplexer, in quanto combina “indiscriminatamente” segnali da due antenne che ricevono da qualsiasi banda di frequenza.

In questo modo, si comporta più come uno splitter invertito: le due porte che normalmente escono dai televisori ora fungono da ingressi per le antenne.

Ti consiglio di utilizzare un miscelatore o un combinatore di segnale per lo scenario A indicato in precedenza.

È possibile collegare qualsiasi tipo di banda dell’antenna a qualsiasi ingresso. Ad esempio, puoi collegare un’antenna coassiale da un’antenna UHF / VHF a una porta, quindi un’antenna UHF nell’altra.

Un dispositivo di combinazione molto efficace è il miscelatore Goobay 67054

Combinatore antenne tv

Se hai visto altre pagine di questo sito, questo dispositivo potrebbe sembrarti familiare perché è uno splitter che consiglio per distribuire il segnale di un’antenna a più televisori.

Nonostante la loro semplicità, questi tipi di combinatori funzionano sorprendentemente bene per molte persone.

Quale strumento di accoppiamento antenne utilizzare?

Quando decido se utilizzare un diplexer o un combinatore, dovrei prima considerare le bande di frequenza delle mie antenne.

Qualche nozione sulla perdita di segnale

Nel mio articolo sul come amplificare il segnale TV dell’antenna, approfondisco il concetto di perdita di segnale e il modo in cui un amplificatore può mitigare questo problema.

Fondamentalmente, tutti i dispositivi e i cavi che stai utilizzando introdurranno una quantità (frazionaria) di perdita che potrebbero potenzialmente degradare il tuo segnale TV.

In quell’articolo, ho consigliato di procurarti uno splitter con il numero esatto di porte di uscita corrispondenti al numero di TV che intendi collegare.

In questo modo non si verificano perdite di segnale non necessarie, poiché le porte del dispositivo inutilizzate continuano a causare perdite.

Lo stesso principio si applica ai diplexer e ai combinatori di segnali. Dovresti evitare di acquistare un dispositivo il cui numero di porte IN supera il numero di antenne che vuoi unire.

Antenna del cavo coassiale

Sebbene il montaggio delle antenne funzioni per la maggior parte del tempo, alcuni clienti non sono tuttavia in grado di far funzionare correttamente le loro antenne combinate.

Sospetto che alcune di queste cose abbiano a che fare con problemi di fase.

Cerca di visualizzare quello che sto per dirti: i segnali TV si propagano verso l’esterno dalle torri di trasmissione come onde che oscillano su e giù e, una volta ricevuti da un’antenna, questi segnali continuano a viaggiare lungo il cavo coassiale fino al dispositivo combinatore.

Quando più antenne ricevono segnali, è importante che i segnali arrivino al combinatore nello stesso momento.

Quando questo è il caso, arrivano in fase l’uno con l’altro. Se arrivano in tempi (anche leggermente) diversi, sono fuori fase.

Due antenne TV ricevono segnali fuori fare da diverse sorgenti
Due antenne TV ricevono segnali fuori fare da diverse sorgenti

I segnali che arrivano fuori fase assomigliano a più onde sovrapposte l’una all’altra i cui picchi e depressioni non sono sincronizzati, indebolendosi o addirittura annullandosi a vicenda.

È quindi fondamentale collegare le antenne al dispositivo combinatore con cavi coassiali dello stesso tipo e lunghezza.

Anche se monti un’antenna a una distanza dal dispositivo combinatore più distante rispetto all’altra, dovresti comunque utilizzare la stessa lunghezza di cavo per entrambe le antenne, avvolgendo il cavo dell’antenna più vicina se necessario.

Per quanto riguarda i cavi, per le massime prestazioni consiglio un cavo coassiale RG6 con schermatura tripla o quadrupla, come Aerials – cavo coassiale RG6 .

(Questo cavo ha caratteristiche eccellenti per la TV, ma tieni presente che la sua lunghezza è di 15 metri: il tuo miscelatore sarà probabilmente più vicino alle tue antenne. Se acquisti questo cavo avrai bisogno di specifici strumenti di crimpatura per tagliare le lunghezze corrette.)

Usare un amplificatore con un miscelatore di segnali

In alcune situazioni potresti voler collegare un dispositivo di amplificazione (un preamplificatore o un amplificatore di distribuzione) da qualche parte lungo la linea per aumentare il segnale TV.

Lo schema seguente mostra una configurazione tipica con antenne combinate verticalmente utilizzando un dispositivo preamplificatore collegato all’albero:

Antenna impilata verticalmente con preamplificatore

Il trucco qui è sapere se il tuo diplexer o combinatore di segnali consente il “passaggio” della corrente elettrica sul cavo coassiale che è amplificato.

Per impostazione predefinita, gli splitter e i miscelatori di segnali sono progettati per impedire le sovratensioni che risalgono la linea dalla TV (se è difettosa, ad esempio) all’antenna.

Tuttavia, molti di loro avranno una porta IN chiaramente etichettata che ti consente di collegare un cavo coassiale amplificato.

Assicurati che il dispositivo combinatore che stai acquistando consenta il passaggio di corrente se intendi aggiungere un amplificatore alla linea.

Ad esempio, il miscelatore di antenne Cusano MIX-LTE-VUU menzionato sopra consente di collegare un cavo amplificato a una delle sue porte IN (così come il diplexer).

Se ricordi, molti preamplificatori hanno un alimentatore separato chiamato inseritore di alimentazione che si collega ad una presa a muro più in basso vicino alla TV.

Se desideri installare un preamplificatore per una delle antenne, assicurati di collegare il cavo coassiale dell’antenna alla porta IN del dispositivo combinatore etichettata come “pass-through”.

In questo modo, quando colleghi l’inseritore di corrente più vicino alla TV, alimenterà l’intera linea fino all’antenna che desideri amplificare.

Tutto sommato, i miscelatori di segnale aggiungeranno un po’ di complessità al tuo desiderio di amplificazione.

Ad esempio, se in precedenza avessi utilizzato un preamplificatore per la prima antenna, potresti in seguito scoprire che non è necessaria l’amplificazione dopo aver aggiunto la seconda antenna.

Alcune persone risolvono i problemi di amplificazione concentrandosi nell’accoppiamento delle antenne con l’obiettivo di trovare il giusto rapporto segnale-rumore che porti a canali chiari.

Come collegare due antenne a una TV

L’installazione di una seconda antenna da unire alla prima richiede innanzitutto di assicurarsi che funzioni correttamente con la TV, prima di combinare i segnali di entrambe le antenne.

Avrai bisogno degli stessi strumenti e probabilmente farai gli stessi passaggi di quando hai installato la prima antenna.

Se stai montando verticalmente le antenne e hai bisogno di un palo più alto, tieni presente che il diametro del nuovo palo potrebbe differire leggermente e forse essere troppo largo per le staffe di montaggio che stai attualmente utilizzando per la prima antenna.

Assicurati di avere tutte le parti necessarie prima di iniziare.

Se stai installando le antenne da solo, dovresti considerare di chiedere a una o due persone di aiutarti. Possono aiutarti con il test o lo spostamento dell’antenna, oppure osservando la qualità del segnale sul televisore; questi accorgimenti potrebbero accelerare i vari passaggi.

IMPORTANTE : la sicurezza dovrebbe essere la massima priorità quando installi una antenna TV per esterni sul tetto.

Passaggio 1: trova il posto migliore per configurare la seconda antenna

Come ho detto prima, avrai bisogno dell’antenna appropriata per captare le nuove stazioni che desideri.

Trovare l’antenna migliore per le tue esigenze è un argomento molto ampio che ho trattato qui, ma è sufficiente dire che è meglio verificare che la seconda antenna riceva le stazioni da sola prima di unirle entrambe.

A tal fine dovrai scegliere un posto appropriato, un punto che ho già trattato in questo articolo dove spiego quando montare le antenne verticalmente o orizzontalmente.

I tuoi criteri principali dovrebbero essere la scelta di un luogo che offra una potenza del segnale sufficiente per superare eventuali perdite che incontrerai dal combinatore di segnali e dal resto della configurazione.

Personalmente, cerco sempre di montare semplicemente la seconda antenna sullo stesso palo della prima, dopotutto è nello stesso punto ottimale per la prima antenna, ma potresti scoprire che questo non fornisce la qualità del segnale necessaria nella tua specifica situazione.

Se stai installando la seconda antenna in soffitta, tieni presente che la ricezione potrebbe essere influenzata dalla struttura della tua casa (ad esempio, più strati di isolamento o barriere radianti).

In definitiva, potrebbe essere necessario testare e cambiare l’antenna in alcuni punti prima che l’installazione sia terminata.

Passaggio 2: monta la seconda antenna

Se stai attaccando la seconda antenna allo stesso albero della prima, controlla la stabilità del palo e stringi le viti o i bulloni che lo fissano alla superficie.

Assicurati inoltre che il palo sia abbastanza sicuro (specialmente se si trova sul tetto) per non oscillare o cadere durante forti raffiche o temporali. Dagli una forte scossa.

Come accennato in precedenza, assicurati che le due antenne siano separate da una distanza di circa 50-100 centimetri.

Se in seguito si verificano problemi di ricezione, è possibile tornare indietro e allontanare le antenne per vedere se la ricezione migliora.

Se stai installando la seconda antenna in un altro punto della casa, prova a ridurre al minimo la lunghezza del cavo creando dei fori attraverso soffitti, pareti o pavimenti secondo necessità per ridurre la distanza dalla TV.

Inoltre, evita curve brusche del cavo mentre lo fai passare attraverso la casa.

SUGGERIMENTO : quando si montano due antenne sullo stesso palo, è necessario posizionare l’antenna con la ricezione più debole un po’ più in alto.

Passaggio 3: collega la seconda antenna alla TV

Scollega la prima antenna dalla TV o dalla scatola del convertitore e fai scorrere un cavo coassiale dalla seconda antenna fino al dispositivo.

Dovresti testare la posizione e la direzione della seconda antenna per assicurarti che possa ricevere i canali desiderati.

Sapere che la seconda antenna funziona da sola aiuterà a isolare i problemi in un secondo momento se si riscontra una scarsa ricezione dopo aver unito le due antenne.

Dopo aver collegato la seconda antenna, esegui una ricerca dei canali e annota l’elenco dei canali. Modifica la posizione o la direzione dell’antenna secondo necessità per migliorare la ricezione.

Passaggio 4: collega entrambi i cavi coassiali dell’antenna al miscelatore di segnali

Collega il diplexer o il combinatore di segnali al palo o in qualsiasi punto relativamente centrale rispetto a entrambe le antenne.

Nell’ultimo passaggio, rimuovi il cavo che hai portato dalla seconda antenna al televisore e collega i cavi coassiali da ciascuna delle antenne alle rispettive porte IN del dispositivo combinatore.

Se una delle antenne ha un preamplificatore, assicurati di collegare l’antenna coassiale alla porta IN corretta del miscelatore con l’indicazione “power pass-through”.

Come accennato in precedenza, assicurati che entrambi i cavi coassiali dell’antenna siano di uguale lunghezza e tipo; altrimenti potresti avere problemi di fase come interferenza multipath (ghosting).

Passaggio 5. Fai passare un cavo coassiale dal miscelatore di segnale alla TV

A questo punto, sai che entrambe le antenne funzionano correttamente (indipendentemente) e ora stai praticamente configurando il resto del sistema di ricezione, inclusi eventuali amplificatori e splitter lungo il percorso.

Collega il cavo coassiale dalla porta OUT del combinatore alla TV o al convertitore. Il sintonizzatore digitale della TV o del convertitore dovrebbe ricevere i segnali combinati da entrambe le antenne.

Accendi la televisione ed esegui una ricerca dei canali. I canali che ricevi dovrebbero corrispondere al rapporto sul segnale che potresti aver ricevuto per la tua posizione da OTG TV.

Controlla anche la potenza del segnale di ogni canale per assicurarti che sia forte all’inizio.

Se non ricevi l’elenco completo dei canali che ti aspetti, potresti dover diagnosticare il problema e apportare modifiche.

È noto che gli amplificatori (sia un preamplificatore che un amplificatore di distribuzione) a volte causano problemi con i combinatori di segnale poiché potrebbero aggiungere troppo rumore alla linea.

Se utilizzi un amplificatore, ti suggerisco di scollegarlo e di ripetere la scansione dei canali come primo passaggio per la risoluzione dei problemi.

Passaggio 6. Messa a terra della seconda antenna e dei componenti resistenti agli agenti atmosferici

Una volta che tutto funziona correttamente e sei soddisfatto della ricezione, assicurati di controllare che le parti dell’antenna, i collegamenti dei cavi coassiali, ecc. siano sufficientemente impermeabili .

La mancata esecuzione di questo passaggio può causare la corrosione e il degrado dell’apparecchiatura ad una velocità profondamente maggiore, influendo sulla ricezione TV.

Si spera che sia il palo che il cavo coassiale della tua prima antenna fossero collegati a terra.

Assicurati anche di mettere a terra la seconda antenna (sia l’albero che il cavo) per ridurre il rischio di danni causati da sovratensioni durante i temporali.

Perché installare una seconda antenna quando puoi avere un rotatore?

Invece di impilare le antenne, potresti considerare di collegare l’albero a un rotore motorizzato.

I rotori sono dispositivi che cambiano la direzione, all’interno di un piano orizzontale, di un’antenna direzionale.

Di solito li controlli utilizzando un telecomando, permettendoti di cambiare canale dal tuo divano.

Un esempio di rotore è il Rotore dantenna Yaesu G-1000 DXC. Di seguito puoi leggere anche il manuale d’istruzioni del modello Yaesu-G1000 DXC

Rotore d'antenna TV

Come qualsiasi altra soluzione per il problema di acquisire segnali da stazioni distanti, i rotori presentano vantaggi e svantaggi.

Il vantaggio principale dell’utilizzo di un rotore è la possibilità di riorientare comodamente un’antenna verso una torre di trasmissione dalla comodità del tuo salotto (tramite telecomando).

Tuttavia, ci sono alcuni aspetti negativi:

  • I rotori introducono una certa complessità meccanica alla ricezione TV e possono usurarsi o non funzionare correttamente dopo diversi anni di utilizzo, richiedendo riparazioni o l’installazione di un nuovo dispositivo;
  • Se prevedi di registrare un programma trasmesso da una certa stazione, l’antenna deve essere orientata verso la torre corretta prima dell’ora di inizio della registrazione;
  • Se hai più televisori, ruotare l’antenna in una posizione diversa potrebbe interrompere la visione simultanea di qualcun altro su un’altra TV di casa tua;

Pensieri conclusivi

Una seconda antenna direzionale consente di espandere l’elenco dei canali per includere stazioni al di fuori del normale raggio di ricezione.

Tuttavia, non è un’attività priva di complessità e, sebbene possa funzionare nella maggior parte dei casi, alcune persone devono risolvere alcuni problemi prima di godersi il funzionamento corretto.

Dopo aver installato e utilizzato le antenne, assicurati di controllare periodicamente lo stato di entrambe le antenne per assicurarti che siano sicure, pulite e fuori portata.

Il commento: